BIOGRAFIA di
Wendell Berry


 

Wendell Berry



The Peace of Wild Things by Wendell Berry

When despair for the world grows in me
and I wake in the night at the least sound
in fear of what my life and my children's lives may be,
I go and lie down where the wood drake
rests in his beauty on the water, and the great heron feeds.
I come into the peace of wild things
who do not tax their lives with forethought
of grief. I come into the presence of still water.
And I feel above me the day-blind stars
waiting with their light. For a time
I rest in the grace of the world, and am free.



Wendell Erdman Berry (nato il 5 agosto 1934) è un romanziere, poeta, attivista ambientale, critico culturale e agricoltore americano. La sua attività di scrittore è veramente prolifica prolifica, ed è autore di numerosi romanzi, racconti, poesie e saggi, su svariati argomenti, tra cui arte e scienza, agricoltura ed economia sostenibile.
È membro eletto della "Fellowship of Southern Writers", e destinatario della "National Humanities Medal" e del "Jefferson Lecturer" per il 2012.
È stato anche membro dell'Accademia Americana delle Arti e delle Scienze del 2013 e sempre in questo hanno gli è stato assegnato il premio "Richard C. Holbrooke Distinguished Achievement".
Il 28 gennaio 2015 è diventato il primo scrittore vivente ad essere inserito nella "Kentucky Writers Hall of Fame".



Vita
Wendell Berry è il primo di quattro figli di John Marshall Berry, avvocato e coltivatore di tabacco nella contea di Henry (Kentucky), e di Virginia Erdman Berry.
Berry frequentò la scuola secondaria all'Istituto Militare di Millersburg e conseguì un B.A. (1956) e M.A. (1957) in inglese all'Università del Kentucky.
Nel 1956, all'Università del Kentucky, incontrò un altro scrittore del Kentucky, Gurney Norman.

Nel 1957 completa il suo Master e si sposa con Tanya Amyx
Nel 1958, frequenta il programma di scrittura creativa della Stanford University avendo come compagno di corso Wallace Stegner ed insieme partecipano ad un seminario che comprendeva Edward Abbey, Larry McMurtry, Robert Stone, Ernest Gaines, Tillie Olsen, e Ken Kesey.
Il primo romanzo di Berry, "Nathan Coulter", è stato pubblicato nell'aprile del 1960.
Grazie alla Fondazione commemorativa del "John Simon Guggenheim Fellowship" Wendell Berry e la sua famiglia si recarono in Italia e in Francia nel 1961, dove conobbe Wallace Fowlie, critico e traduttore di letteratura francese.
Dal 1962 al 1964, ha insegnato inglese al campus dell'Università Heights della New York University nel Bronx.
Nel 1964, iniziò a insegnare scrittura creativa all'Università del Kentucky, da cui si dimise nel 1977.
Durante questo periodo a Lexington, conosce l'autore Guy Davenport, l'autore e monaco Thomas Merton e il fotografo Ralph Eugene Meatyard.
Nel 1965, Berry, sua moglie e i suoi due figli si trasferiscono in una fattoria che aveva acquistato, Lane's Landing, che si trova nella contea di Henry, nel Kentucky, sulla riva occidentale del fiume Kentucky, non lontano da dove confluisce nel fiume Ohio nel centro-nord del Kentucky, vicino a Port Royal e ai luoghi di nascita dei suoi genitori.
Inizia quindi a coltivare mais e cereali con semi piccoli su un terreno che si estende su 117 acri (0,47 km2).
Comprarono il loro primo gregge di sette pecore "Border Cheviot" nel 1978.
Oltre a coltivare, ha iniziato a scrivere sulle sue prime esperienze agricole e della sua decisione di tornare alla Terra Natia in saggi come "The Long-Legged House" e "A Native Hill", diventando un grande esperto e un premiato opinionista, riguardo all'ecologia, il pacifisco, le religioni e la spiritualità, ecc.
Negli anni '70 e all'inizio degli anni '80, ha curato e scritto per la "Rodale Press", incluse le pubblicazioni Organic Gardening and Farming e The New Farm.
Dal 1987 al 1993, è tornato al Dipartimento di inglese dell'Università del Kentucky.
Berry ha scritto almeno venticinque libri (o chapbooks) di poesie, sedici volumi di saggi e undici romanzi e raccolte di racconti.
La sua scrittura è fondata sulla nozione che il proprio lavoro dovrebbe essere radicato e sensibile al proprio posto.
Berry, che si definisce "una persona che prende sul serio il Vangelo", ha criticato le organizzazioni cristiane per non aver sfidato il compiacimento culturale sul degrado ambientale e ha mostrato la volontà di criticare ciò che percepisce come l'arroganza di alcuni cristiani.
È un sostenitore del pacifismo cristiano, come mostrato nel suo libro "Blessed Are the Peacemakers: Christ's Teachings About Love, Compassion and Forgiveness" (2005).
Berry è un collega della "Temenos Academy britannica", una società erudita dedita allo studio di tutte le fedi e le attività spirituali; Berry pubblica frequentemente l'annuale "Temenos Academy Review", finanziato dal Principe di Galles.

ATTIVISMO

Pacifismo
Il 10 febbraio 1968, Berry consegnò "Una dichiarazione contro la guerra in Vietnam" durante la Conferenza del Kentucky sulla guerra e il Draft all'Università del Kentucky a Lexington:

"Cerchiamo di preservare la pace combattendo una guerra, o per far avanzare la libertà sovvenzionando le dittature, o per "conquistare i cuori e le menti del popolo" avvelenando i loro raccolti e bruciando i loro villaggi e confinandoli nei campi di concentramento;
Cerchiamo di sostenere la "verità" della nostra causa con menzogne, o di rispondere al dissenso coscienzioso con minacce, insulti e intimidazioni...
Sono giunto alla conclusione che non riesco più a immaginare una guerra che ritengo sia utile o necessaria.
Sarei contro ogni guerra."


Energia nucleare
Il 3 giugno 1979, Berry si impegna in una disobbedienza civile nonviolenta contro la costruzione di una centrale nucleare a Marble Hill, nell'Indiana.
Descrive "questo evento quasi senza eventi" e ne espande le ragioni nel saggio "Il reattore e il giardino".

Terrorismo
Il 9 febbraio 2003, il saggio di Berry intitolato "La risposta dei cittadini alla strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti" è stato pubblicato come spot pubblicitario a tutta pagina sul New York Times.
Berry ha aperto il saggio - una critica della strategia internazionale dell'amministrazione post-9/11 dell'amministrazione Bush di GW - affermando che:

"La nuova Strategia di sicurezza nazionale pubblicata dalla Casa Bianca nel settembre 2002, se effettuata, equivarrebbe a un radicale revisione del carattere politico della nostra nazione."

Agricoltura naturale, inquinamento, energie pulite
Il 4 gennaio 2009, Berry e Wes Jackson (presidente del The Land Institute) hanno pubblicato un articolo sul New York Times intitolato "A 50-Year Farm Bill".
Nel luglio 2009 Berry, Jackson e Fred Kirschenmann, di "The Leopold Center for Sustainable Agriculture", riuniti a Washington DC per promuovere questa idea:

"Abbiamo bisogno di una legge agricola di 50 anni che affronti apertamente i problemi di perdita e degrado del suolo, inquinamento tossico, dipendenza dai combustibili fossili e distruzione delle comunità rurali".

Il 22 maggio 2009, Berry, in una sessione di ascolto a Louisville, ha parlato contro il "National Animal Identification System" (NAIS). Ha detto: "Se imponi questo programma ai piccoli agricoltori, che sono già sovraccarichi, dovrai mandare la polizia per me, ho 75 anni, ho completato le mie responsabilità verso la mia famiglia. Perderò molto poco per andare in prigione in opposizione al tuo programma - e dovrò farlo, perché sarò, in ogni modo che posso concepire, un non cooperatore."

Inquinamento, energie pulite
Il 2 marzo 2009, Berry ha raggiunto oltre 2.000 persone bloccando in modo non violento i cancelli di una centrale elettrica a carbone a Washington, D.C. Nessuno è stato arrestato.

Nell'ottobre 2009, Berry ha collaborato con "Kentucky Environmental Foundation (KEF) con sede a Berea, insieme a molte altre organizzazioni no-profit e membri delle cooperative elettriche rurali" per presentare petizioni contro e protestare contro la costruzione di una centrale a carbone a Contea di Clark, Kentucky.
Il 28 febbraio 2011, la Commissione del servizio pubblico del Kentucky ha approvato la cancellazione di questa centrale elettrica.

Il 20 dicembre 2009, a causa della stretta associazione dell'Università del Kentucky con gli interessi del carbone nello stato, Berry rimosse i suoi documenti dall'università.
Ha spiegato al Lexington Herald-Leader:
"Non penso che l'Università del Kentucky possa essere così ostentatamente amichevole con l'industria del carbone ... ed essere ancora un amico per me e gli interessi per i quali ho resistito negli ultimi 45 anni. ...
Se amano così tanto l'industria del carbone, devo cancellare la mia amicizia."
Nell'agosto 2012, i documenti sono stati donati alla Kentucky Historical Society di Frankfort, KY.

Il 28 settembre 2010, Berry ha partecipato a una manifestazione a Louisville durante un'audizione dell'EPA su come gestire le ceneri di carbone. Berry ha dichiarato: "L'EPA sa che le ceneri di carbone sono velenose, noi chiediamo solo di credere nelle sue stesse scoperte su questo tema, e facciamo il suo dovere".

Berry, con altri 14 manifestanti, ha trascorso il fine settimana del 12 febbraio 2011 rinchiuso nell'ufficio del governatore del Kentucky per chiedere la fine della miniera di carbone per la rimozione delle montagne.
Ha fatto parte del gruppo ambientalista Kentuckians per il Commonwealth che ha iniziato il suo sit-in il venerdì e se ne è andato a mezzogiorno lunedì per unirsi a circa 1.000 altri in un raduno di massa all'aperto.

Nel 2011, The Berry Center è stato fondato a New Castle, nel Kentucky, "allo scopo di portare attenzione, conoscenza e coesione al lavoro di cambiare il nostro sistema agricolo industriale in rovina in un sistema e in una cultura che usa la natura come standard, non accetta permanenti danno all'ecosfera e prende in considerazione la salute umana nelle comunità locali."

Pena di morte
Sempre nel gennaio 2009, Berry ha rilasciato una dichiarazione contro la pena di morte, che inizia con:

"Dato che sono profondamente a disagio nel prendere una vita umana prima della nascita, anch'io mi sento profondamente a disagio nel prendere una vita umana dopo la nascita."
Nel novembre 2009, Berry e altri 38 scrittori del Kentucky hanno scritto al governo Steve Beshear e al procuratore generale Jack Conway chiedendo loro di imporre una moratoria sulla pena di morte in quello stato.

Prima di riportare quanto indicato su Wikipedia rispetto al suo lavoro letterario e al suo stile, cito i titoli dei libri che si possono trovare in Italia.

Opere tradotte in italiano
- "Il corpo e la terra", LEF - Libreria Editrice Fiorentina, Firenze, 2009.
- "La risurrezione della rosa. Agricoltura, luoghi, comunità, Slow Food", Bra, 2009.
- "La rivoluzione del contadino impazzito", LEF - Libreria Editrice Fiorentina, Firenze, 2009.
- "Jayber Crow", Lindau, Torino, 2014.
- "Hannah Coulter", Lindau, Torino, 2014.
- "Mangiare è un atto agricolo", Lindau, Torino, 2015.
- "Un posto al mondo", Lindau, Torino, 2015.
- "La strada dell'ignoranza", Lindau, Torino, 2015.



Se ti interessano i libri di questo autore puoi contattarmi e ordinarli cliccando

QUI



Stile e idee
La saggistica di Berry risulta come una lunga conversazione sulla vita che lui apprezza.
Secondo lui, la vita buona comprende agricoltura sostenibile, tecnologie appropriate, comunità rurali sane, connessione al luogo, i piaceri del buon cibo, l'allevamento, il buon lavoro, l'economia locale, il miracolo della vita, la fedeltà, la frugalità, la riverenza e l'interconnessione della vita.
Le minacce che Berry trova in questa buona vita semplice comprendono: l'agricoltura industriale e l'industrializzazione della vita, l'ignoranza, l'arroganza, l'avidità, la violenza contro gli altri e contro il mondo naturale, l'erosione degli strati superiori negli Stati Uniti, l'economia globale e la distruzione ambientale.
Come importante difensore dei valori agricoli, l'apprezzamento di Berry per le tecniche agricole tradizionali, come quelle degli Amish, è cresciuto negli anni '70, in parte grazie agli scambi con l'editore di "Draft Horse Journal Maurice Telleen".
Berry è stato a lungo amico e solidale con Wes Jackson, sostenendo che la ricerca agricola di Jackson al "The Land Institute" promettesse la "risoluzione per il modello" e l'uso della "natura come modello".
Non mancano le critiche, però.
L'autore Rod Dreher scrive che "l'incrollabile devozione alla terra, al localismo e alla dignità della vita tradizionale rende Berry un grande americano e, per la vergogna della nostra epoca, un profeta senza onore nella sua terra natia".
Allo stesso modo, Bill Kauffman sostiene che:
"Tra le tragedie della politica contemporanea c'è Wendell Berry, in quanto uomo di luogo, che non ha posto in una discussione politica nazionale che sia incorniciata da Gannett e Clear Channel."
Lo storico Richard White chiama Berry "lo scrittore ambientalista che ha cercato con maggiore cura di fare i conti con il lavoro" e "uno dei pochi scrittori ambientali che prende sul serio il lavoro".

Il concetto di "Solving for pattern", coniato da Berry nel suo saggio con lo stesso titolo, è il processo per trovare soluzioni che risolvono più problemi, riducendo al minimo la creazione di nuovi problemi.
Il saggio è stato originariamente pubblicato nel periodico di "Rodale Press The New Farm".
Sebbene l'uso della frase da parte di Mr. Berry fosse in riferimento diretto all'agricoltura, da allora è diventato un uso più ampio in tutta la comunità del design.

Le idee principali di Berry, e in particolare il suo poema "Sabbaths III (Santa Clara Valley)", hanno ispirato il documentario del 2007 "The Unforeseen", prodotto da Terrence Malick e Robert Redford. La regista del film, Laura Dunn, ha dichiarato:
"Siamo naturalmente molto grati a Mr. Berry per aver condiviso il suo lavoro ispirato - la sua poesia è stata per me un punto di riferimento per tutto questo, a volte meandro, progetto."
Berry appare nel film che narra la sua poesia.
Dunn ha continuato a realizzare il documentario del 2016 "Look & See: A Portrait of Wendell Berry", sempre prodotto da Terrence Malick e Robert Redford.

Poesia
La poesia lirica di Berry appare spesso come un'egloga, una pastorale o un'elegia contemporanea; ma compone anche narrazioni drammatiche e storiche (come "Bringer of Water" e "July, 1773", rispettivamente) e poesie occasionali e discorsive ("Contro la guerra in Vietnam" e "Alcune Altre parole ", rispettivamente).
Il primo libro di poesie pubblicato da Berry consisteva in un singolo poema, l'elegiaco del ventunesimo novecento Nineteen Hundred Sixty Three (1964), iniziato e illustrato da Ben Shahn, che commemora la morte di John F. Kennedy.
Inizia così:

We know
The winter earth
Upon the body
Of the young
President,
And the early dark
Falling; ...

e continua attraverso altre dieci strofe (ognuna sospinta dall'anafora di "Sappiamo").

L'elegiaco qui e altrove, secondo Triggs, consente a Berry di caratterizzare le connessioni "che collegano il passato e le generazioni future attraverso il loro comune lavoro sulla terra".

La prima collezione completa, "The Broken Ground" (1964), sviluppa molte delle preoccupazioni fondamentali di Berry:
"il ciclo della vita e della morte, la reattività al luogo, gli argomenti pastorali e le immagini ricorrenti del Kentucky River e delle fattorie collinari del nord-central Kentucky".
Secondo Angyal: "C'è un piccolo formalismo modernista o sperimentazione postmodernista nel versetto di [Berry]".
Un impegno per la realtà e il primato del mondo attuale sta dietro questi due rifiuti.
In "Note: Poesia non specializzabile", Berry scrive:
"La devozione all'ordine che non è poetico impedisce la specializzazione della poesia."
Prosegue dicendo:
"Nulla esiste per se stesso, ma per un'armonia più grande di se stessa che lo include: un'opera d'arte, che accetta questa condizione ed esiste ai suoi termini, onora la Creazione e ne diventa parte".

Lionel Basney ha posto la poesia di Berry in una tradizione di poesia didattica che risale a Orazio:
"Dire che la poesia di Berry può essere didattica, significa quindi che prevede una saggezza specifica, e anche il senso tradizionale dell'arte e della cultura che dà all'arte compito di insegnare questa saggezza".

Per Berry, la poesia esiste "al centro di un complesso che ricorda".
Sia il poeta che il lettore sono ricordati del linguaggio artigianale del poema, degli antecedenti letterali formali del poema, di "ciò che è ricordato o dovrebbe essere ricordato" e "dell'integrità formale di altre opere, creature e strutture del mondo".

Le poesie del Sabbath
Dal 1979 ad oggi, Berry ha scritto quello che definisce "poesie del Sabbath".
Sono stati raccolti per la prima volta in "A Timbered Choir: The Sabbath Poems" 1979-1997.
Questa è stata seguita da Sabbaths dal 1998 al 2004 in "Given: New Poems"; e quelli dal 2005 al 2008 sono in "Leavings".
Tutte le poesie del Sabbath fino al 2012 sono state pubblicate in questo giorno: "New and Collected Sabbath Poems" 1979 - 2012.
"Sabbaths 2013" è stato pubblicato da Larkspur Press.
"A Small Porch" (2016) contiene nove poesie del Sabbath del 2014 e sedici del 2015.

Le poesie sono motivate dalla lunga abitudine di Berry di camminare in campagna la domenica mattina.
Come dice lui:
"vado libero dai compiti e dalle intenzioni delle mie giornate lavorative, e così la mia mente diventa ospitale per pensieri non intenzionali: per quello che sono molto disposto a chiamare ispirazione."
Le poesie del Sabbath sono state descritte come "scritte da un luogo particolare e in particolari Sabati, e quindi dovrebbero essere lette come parte di una pratica spirituale e come poesie, in un certo senso, dedicate alla dimora, al vivere pensosamente in un unico luogo."

Narrativa - "Fiction": Le storie di Port William
La fiction di Berry ad oggi è composta da otto romanzi e cinquantuno racconti (di cui quarantatre sono raccolti in "That Distant Land", 2004 e "A Place in Time", 2012) che, se letti nel loro insieme, formano una cronaca "fiction" piccola città del Kentucky di Port William. Per la sua esplorazione a lungo termine sulla vita di un luogo immaginario, Berry è stato paragonato a William Faulkner.
Eppure, sebbene Port William non sia estraneo all'omicidio, al suicidio, all'alcolismo, alla discordia coniugale e all'intera gamma di perdite che toccano vite umane, manca degli estremi di caratterizzazione e sviluppo della trama che si trovano in buona parte di Faulkner.
Quindi Berry viene a volte descritto come un lavoro in un modo idealizzato, pastorale o nostalgico, una caratterizzazione del suo lavoro che resiste:
"Se il tuo lavoro include una critica della storia, cosa che sicuramente fa, non puoi essere accusato di volere tornare ad un dato periodo, perché stai dicendo che quello che eravamo non era abbastanza buono."
L'effetto di profondi mutamenti nelle pratiche agricole degli Stati Uniti e la scomparsa della vita agraria tradizionale sono alcune delle maggiori preoccupazioni della narrativa di Port William, sebbene il tema sia spesso solo uno sfondo o sottotesto delle storie loro stessi.
La narrativa di Port William tenta di ritrarre, su scala locale, che "un'economia umana ... condotta con riverenza" assomigliava al passato - e quali virtù civiche, domestiche e personali potrebbero essere evocate da una simile economia perseguito oggi.
I cambiamenti sociali e stagionali segnano il passare del tempo.
Le storie di Port William permettono a Berry di esplorare le dimensioni umane del declino della fattoria di famiglia e della comunità ola, sotto l'influenza dell'espansione dell'agribusiness del secondo dopoguerra.
Ma queste opere raramente ricadono nella didattica semplice e non sono mai semplicemente storie di declino.
Ognuna è basata su una rappresentazione realistica del personaggio e della comunità.
In "A Place on Earth"(1967), ad esempio, il contadino Mat Feltner fa i conti con la perdita del suo unico figlio, Virgil.
Nel corso del romanzo, vediamo come non solo Mat, ma l'intera comunità combatte con gli alti costi della seconda guerra mondiale.

Attraverso la sua "Fiction" Berry può anche esplorare le implicazioni letterali e metaforiche del matrimonio come ciò che lega gli individui, le famiglie e le comunità l'un l'altro e alla Natura stessa, ma non tutto Port William è sposato felice o convenzionalmente.
"Old Jack" Beechum lotta con incompatibilità significative con sua moglie e con una relazione extraconiugale breve ma appagante. Il barbiere Jayber Crow vive con un amore disperato, segreto e non corrisposto per una donna, credendosi "mentalmente" sposato con lei anche se non ne sa nulla.
Burley Coulter non formalizza mai il suo legame con Kate Helen Branch, la madre di suo figlio. Eppure, ognuno di questi uomini si trova saldamente legato nella comunità, la "appartenenza", a Port William.

Del suo progetto narrativo, Berry ha scritto:
"Ho realizzato la città immaginata di Port William, il suo quartiere e la sua appartenenza, nel tentativo di onorare il luogo reale in cui ho vissuto.
Attraverso il luogo immaginato, negli ultimi cinquant'anni Ho imparato a vedere il mio paesaggio e il mio vicinato come un posto unico al mondo, un'opera di Dio, posseduto da una santità intrinseca che si fa beffe di qualsiasi valutazione umana che può essere messa su di essa."
Altrove, Berry ha scritto:
"L'unica cosa che cerco di realizzare nella finzione è mostrare come le persone agiscono quando si amano."
I romanzi e le storie possono essere letti in qualsiasi ordine.

Nel gennaio 2018, la "Library of America" pubblicò un volume della "Fiction" di Berry, il primo di un progetto di quattro volumi.
"Wendell Berry: Port William Novels & Stories" (La guerra civile verso la seconda guerra mondiale) contiene quattro romanzi e ventitré racconti brevi in ordine cronologico secondo gli eventi delle storie.
Insieme a W. S. Merwin e Philip Roth, Berry è uno dei tre scrittori attualmente viventi nel catalogo di "Library of America".

Le trame di alcuni suoi romanzi.

"Nathan Coulter" (1960)
Nel primo romanzo di Berry, il giovane Nathan "diventa maggiorenne" affrontando la morte di sua madre, la depressione di suo padre Jared, la robusta compagnia di suo fratello Tom, e il disonore di suo zio Burley.
Kirkus Review conclude: "Un delicato tema adolescenziale è gestito in modo piuttosto poetico, ma con un tono così uniforme che nessun dramma viene generato e non si avverte il senso del tempo."
John Ditsky trova l'influenza di William Faulkner in Nathan Coulter, ma nota:
"Non solo il lavoro evita le insidie incontrate dai tentativi iniziali di Faulkner di sfuggire al suo francobollo di terra natia, ma anche Nathan Coulter sembra un saggio tentativo di far uscire quel primo romanzo autobiografico dal proprio sistema, e di farlo [con] onestà."

Un posto sulla terra (1967/1983)
Ambientato nell'anno critico del 1945, questo romanzo si concentra sulla lotta del contadino Mat Feltner per la notizia che suo figlio Virgilio è stato elencato come disperso in azione mentre racconta anche molti racconti sulla vita di altri residenti di Port William, come Burley Coulter, Jack Beechum, Ernest Finley, Ida e Gideon Crop.
Ristampare da North Point Press nel 1983 permise a Berry di revisionare radicalmente il romanzo, rimuovendo quasi un terzo della sua lunghezza originale.
Jeffrey Bilbro ritiene che questi cambiamenti sostanziali abbiano segnato la crescita nell'approccio di Berry.
"Nell'edizione riveduta di Berry, la sua tecnica ha raggiunto la sua materia e ci consente, come lettori, di partecipare all'ignoranza dei suoi personaggi, e così facendo, possiamo essere in grado di comprendere più pienamente la dolorosa difficoltà di scegliere la fedeltà per l'ordine naturale mentre si vive nel mezzo del mistero."

The Memory of Old Jack (1974)
Questo terzo romanzo di Port William inizia con Jack Beechum come un uomo molto anziano nel 1952 e continua nella sua giovinezza e maturità per scoprire la sua vita e lavorare come agricoltore dedicato, marito in conflitto e legame vivente con le generazioni passate. La storia spazia dalla Guerra Civile fino alla passata Seconda Guerra Mondiale.
Josh Hurst commenta l'abilità di Berry di evitare certi trabocchetti narrativi:
"La storia di Jack potrebbe essere presentata come una ballata eroica o come ammonimento [racconto] - e c'è molto nella sua vita per sostenere sia l'ammirazione che il gentile tisking - ma il dono di questo libro è il modo in cui permette ai ricordi di un uomo di venirci sopra di noi come se non fossero stati formulati da una narrativa o da un'editorializzazione consapevole ".

Remembering (1988)
Nel quarto romanzo di Berry, un adulto Andy Catlett vaga per San Francisco ricordando, ma sentendosi alienato, il suo nativo Port William.
Si sforza di venire a patti con se stesso, il suo matrimonio, la sua fattoria e i valori distorti della società americana. Della visione di Berry qui, Charles Solomon scrive: "Wendell Berry contrappone il moderno agroalimentare americano - che descrive come un conglomerato artificiale di diagrammi di flusso sterili, debiti e meccanizzazione - con l'ideale più vecchio dell'agricoltura come stile di vita educativo."
Ma in questo senso, Bruce Bawer trova un problema con il romanzo:
"Qui, per la prima volta in un romanzo di Port William, Berry sembra più interessato a comunicare le opinioni che a ritrarre personaggi simpatici in situazioni plausibili; in una conferenza sulla politica agricola, dipinge il conflitto ideologico tra Andy e i suoi avversari in colpi ampi e indistinti".

A World Lost (1996)
Lo zio del giovane Andy Catlett Andrew era stato assassinato nel 1944, e ora un adulto Andy sta ricostruendo l'evento e le sue conseguenze.
"Guardando indietro con un misto tra l'incomprensione di un ragazzo e la nostalgia di un uomo anziano, Andy evoca il passato non come una narrativa ma come una serie di frammenti disincarnati nello scorrere del tempo."
In questo quinto romanzo di Port William, Berry considera la violenza degli uomini e il suo impatto sulla famiglia e sulla comunità che devono fare i conti con essa.
"Berry ci mostra i costi psichici dell'orgoglio familiare e della rigidità sociale fuori posto, eppure celebra anche la benedizione benevola dell'amore familiare: questa è una narrazione semplice, soddisfacente per l'anima, accresciuta da umorismo sobrio e intuizione silenziosa."

Jayber Crow (2000)
Il barbiere di Port William racconta il viaggio della sua vita nel sesto romanzo di Berry.
La prima vita di Jayber come orfana vicino a Port William è seguita da studi su una possibile vocazione al ministero della Chiesa.
Una mente interrogativa, tuttavia, lo manda in altre direzioni finché non si ritrova a Port William con un impegno sempre crescente verso quel luogo e la sua gente.
Come note dell'editore di Weekly, "La vita di Crow, che inizia quando la prima guerra mondiale sta per esplodere, è emblematica di un secolo di sconvolgimenti, e il racconto aneddotico ed episodico di Berry sembra una sfida alle nozioni di progresso contemporanee.
carico di idee e ideologia riesce a proiettare calore e luminosità."

Hannah Coulter (2004)
Il settimo romanzo di Berry presenta una concisa visione delle "appartenenze" di Port William. La storia comprende la vita di Hannah, tra cui la Grande Depressione, la seconda guerra mondiale, l'industrializzazione dell'agricoltura del dopoguerra, la fuga della gioventù verso l'occupazione urbana e la conseguente lontananza dei nipoti.
Il racconto è raccontato nella voce di una vecchia vedova due volte, che ha subito molte perdite ma non è mai stata sconfitta.
In qualche modo, mentire al centro delle sue forze è la "appartenenza": il fatto che le persone si prendano cura l'una dell'altra e, anche in assenza, si tengano l'un l'altro in una specie di presenza.
Tutto sommato, Hannah Coulter incarna molti dei temi della saga di Port William di Berry.

Andy Catlett: Early Travels (2006)
Andy Catlett, nove anni, fa il suo primo viaggio da solista a visitare con entrambi i gruppi di nonni a Port William.
Il revisore del New York Times fa notare:
"Ciò che Andy adulto ricorda di quell'esperienza si trasforma in" una sorta di omaggio "a un mondo ormai scomparso.
I personaggi del titolo dei precedenti volumi di Port William di Berry - Jayber Crow, Old Jack, Hannah Coulter - appare qui in affettuosi camei mentre l'adulto Andy, facendo eco a Wordsworth, osserva che "nella mia memoria, tutti quelli che erano lì ... sembrano ora riuniti in un amore che è allo stesso tempo un ragazzo e un uomo anziano".

Tradotto da https://en.wikipedia.org/wiki/Wendell_Berry

 
   


TI INTERESSANO ALTRI LIBRI DI QUESTO AUTORE E NON LI
HAI TROVATI ELENCATI? PUOI CONTATTARMI E ORDINARLI!
CLICCA

QUI