• Sulle ali della fantasia, ogni libro apre i confini della mente, per rendere infiniti i paesaggi del mondo interiore...
  • Non sentite anche voi diffondersi un delicato ed irresistibile profumo di libri?
  • Mani che creano veloci, occhi che cercano colori e ricordi, desideri antichi di inventare nuove forme: la Bellezza che l'anima rincorre!

Biografia di

 

  • Federico MANA

  •  

    Federico Mana

     

    BIOGRAFIA DI FEDERICO MANA
    Istruttore di apnea e di yoga, scrittore e campione italiano in assetto costante con il tuo ultimo record di -100.

    Ho iniziato come tutti ad amare l'acqua attraverso i corsi di nuoto, e già da piccolo il mio istruttore di nuoto Oscar aveva capito che mi piaceva molto immergermi.
    Con la scusa di mandarmi a cercare orecchini o braccialetti persi sul fondo della piscina non mi faceva fare in solito riscaldamento a bordo vasca e mi permetteva di sguazzare liberamente alla ricerca dei tesori persi.
    Mi sono avvicinato all'apnea per gioco e attraverso la pesca, all'età di 12 anni mio padre mi regalò il mio primo fucile subacqueo (chiamarlo fucile è un eufemismo, ma all'epoca mi sentivo il terrore dei mari) ed iniziai a passare le ore in mare, ma i miei carnieri erano spesso poverissimi perché invece di sparare restavo incantato dal mondo sommerso (è un modo poetico per dire che ero un pescatore scarso).
    Questa gioia incondizionata che provavo ogni volta che uscivo dall'acqua mi spinse col tempo a cercare una scuola di formazione che mi permettesse di conoscere meglio le tecniche per praticare l'apnea.
    Un po' timoroso (anch'io pensavo che la "vera apnea" fosse solo per supereroi) mi avvicinai alla scuola del mio idolo Umberto Pelizzari e frequentai quindi il mio primo corso di Apnea Academy dove incontrai altri ragazzi con la mia stessa passione viscerale per il blu.
    Come spesso accade fu proprio il gruppo di amici apneisti ad accentuare le motivazioni personali e la voglia di migliorare.
    Dal blu del mare passammo al nero del lago per le sessioni di allenamento, era freddo anzi freddissimo ma la voglia di acqua andava oltre la temperatura e l'obiettivo era quello di diventare istruttore per poter trasmettere e condividere questa passione.
    A 28 anni decisi di lasciare la mia vita milanese per provare a vivere di mare ed apnea ed oggi sono quasi sette anni che mi sveglio con il mare negli occhi.

    Federico e lo yoga
    Io che penso lo yoga debba essere il percorso di ogni apneista.
    Lo yoga è sicuramente una disciplina complementare a quella apneista sia sotto l'aspetto di consapevolezza corporea sia sotto l'aspetto respiratorio, ma dall'altra parte non tutti gli apneisti hanno molto tempo da dedicare a molte ore di allenamento.
    Coloro che non posseggono troppo tempo per allenarsi devono scegliere come impiegare il tempo, il mio consiglio è quello di divertirsi e a parer mio l'apnea è più divertente dello yoga.
    Il divertimento è infatti alla base di un apprendimento proficuo e motivante che spinge ogni atleta a trovare sempre nuovi stimoli e risorse per lavorare con costanza.
    Amo profondamente lo yoga, ma sono consapevole che non è la sola strada di crescita, è una delle strade possibili, ed ogni apneista deve riconoscere quale via più si addice alle sue caratteristiche.

    Libri
    Ho scritto diversi libri di tecniche di respirazione per l'apnea, che hanno già venduto oltre 3000 copie.
    E sul respiro un libro che si intitola Il Respiro edito da Tecniche Nuove.
    SITO UFFICIALE MANA














       


    TI INTERESSANO ALTRI LIBRI DI QUESTO AUTORE E NON LI
    HAI TROVATI ELENCATI? PUOI CONTATTARMI E ORDINARLI!
    CLICCA

    QUI